Seleziona una pagina

Negli anni passati l’arrivo del 1° agosto faceva stare sereni i difensori, tributari, e non solo, mettendoli al riparo dalla spada di Damocle delle scadenze dei termini perentori. Quest’anno a causa del Coronavirus anche questo stato di tranquillità feriale è messo a dura prova dall’incertezza sul calcolo dei termini processuali, provocata dalle disposizioni contenute nei decreti Cura Italia, Liquidità e Rilancio. Allora è doveroso focalizzare bene l’attenzione, finché si è ancora in tempo, per evitare spiacevolissime sorprese, sulla questione della cumulabilità o meno dell’ordinaria sospensione feriale con la straordinaria sospensione anti-Covid. Che fare? Cari Lettori, a costo di rovinarvi un po’ le vacanze, sarebbe meglio trovaste il tempo di compiere l’atto processuale, rispettando la scadenza infraferiale. Buone ferie “dimidiate”!

Da Il Quotidiano IPSOA – Area Fisco https://ift.tt/2Pen3qW